Azienda Agricola Dimostrativa | La nostra storia
15601
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-15601,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
 

La nostra storia

Passato, presente e futuro

Spesso viene chiesto quale sarà il futuro dell’Azienda. La risposta non può prescindere dal ricordare l’attività svolta nel passato, ossia quando nei lontani anni 70 è nata l’Azienda e nella vallata del Magra c’era un panorama molto diverso da quello attuale. Erano infatti quelli i tempi in cui l’agricoltura, anche a Sarzana, era il sistema economico più rappresentato sia per il numero degli occupati che per reddito delle famiglie.

 

Era l’epoca nella quale esistevano grandi Cooperative agricole sia per la commercializzazione dei prodotti della terra che per l’esecuzione dei lavori agricoli; i soci nel complesso erano più di un migliaio.

 

Il mercato ortofrutticolo allora in Piazza Terzi, praticamente al centro della città, aveva una numerosa frequentazione e costituiva per le famiglie sarzanesi, e non solo, l’unico luogo di approvvigionamento dei prodotti ortofrutticoli.

 

Quello era il tempo in cui a Sarzana arrivavano camion da Genova, Parma ed altri luoghi confinanti per acquistare i prodotti della Vallata che già allora rappresentavano delle tipicità molto apprezzate. Poi via via si sono verificati dei cambiamenti tali per cui l’agricoltura è stata marginalizzata dall’incombente globalizzazione, il panorama socio economico urbanistico della vallata si è trasformato e molte aziende sono diventate aree di servizio ad un crescente comparto artigianale-turistico ed è contemporaneamente cresciuta in modo formidabile la frequentazione dei nostri litorali e delle bellezze artistico monumentali.

 

Così i tanti produttori agricoli hanno dovuto trovare occupazione in altri settori produttivi e l’agricoltura è diventata un’attività secondaria assumendo a tratti la fisionomia del produrre per la propria famiglia o poco più.

 

Poi lentamente qualcosa ha cominciato a muoversi sotto la spinta di nuove linee di “cultura” come la ricerca del tipico e la riscoperta delle tradizioni, e sotto l’influsso anche di un turismo che da balneare è diventato culturale, è cresciuta la domanda di tipicità.

 

La nostra agricoltura e noi A.A.D., siamo stati ben attenti a curare questa linea di tendenza, cercando di recuperare, diffondere e valorizzare le varietà ortofrutticole autoctone. Oggi l’azienda è una realtà che ha saputo vivere questa trasformazione ed ha risposto, ed è la novità di quest’anno, alla necessità di meglio organizzarsi per venire incontro ad una domanda molto frazionata, ma attenta alla qualità del prodotto e ad una corretta presentazione dello stesso.

 

Ecco perchè attualmente in azienda esistono due diverse linee di produzione, la prima con le tradizionali cassette di polistirolo per gli agricoltori professionisti che acquistano grandi numeri, l’altra con contenitori in pvc colorato, muniti di etichetta identificativa per la numerosa clientela hobbistica e del fai da te.

 

Il recente impianto fotovoltaico conferma le promesse produttive e, cosa più importante, ha incuriosito numerosi nostri clienti al punto che siamo certi di aver contribuito anche noi nel piccolo a diffondere questo moderno sistema di energia rinnovabile.

 

Per ciò che concerne il futuro, il nostro domani è ricco di progetti. Abbiamo infatti avviato collaborazioni con Enti ed Istituzioni per nuove attività che con il sostegno e la condivisione del nostro azionariato potranno dare alla struttura nuove prospettive e stimoli per una crescita e continuità produttiva, salvaguardando il livello occupazionale e svolgendo in modo sempre più incisivo la nostra tradizionale funzione di sostegno e promozione del patrimonio agricolo provinciale.

 

Non è stata poi mai trascurata anzi, è cresciuta nel tempo, la nostra attenzione verso le categorie disagiate e i soggetti diversamente abili, attraverso l’adesione e la partecipazione ad attività di orientamento e formazione promosse dalla Azienda Sanitaria Locale e i Comuni della provincia spezzina.

In questi ultimi anni inoltre si è assistito ad una crescente attenzione da parte dei consumatori alle tematiche legate alla qualità del cibo, con la richiesta di alimenti di origine sicura, certificata e di preferibile provenienza locale.

 

Così, con l’obiettivo di formare soprattutto le giovani generazioni, l’Azienda ha intrapreso una puntuale e capillare azione educativa rivolta sia agli insegnanti che agli alunni attraverso le attività svolte con la “fattoria didattica”.

 

In conclusione, l’intervento maggiormente significativo ed in linea con le tendenze di sviluppo locale e regionale è l’ospitalità verso il turismo.

 

L’Azienda infatti, recuperando delle strutture altrimenti destinate ad un inesorabile abbandono, ha avviato un’attività agrituristica con l’obiettivo di ristabilire e rinsaldare un collegamento tra la campagna e la ristorazione a qualunque livello.